Cartelle cliniche

(Vedi anche segnalazioni di casi)

_Seguono alcuni fatti salienti estrapolate dalle cartelle cliniche dei pazienti del St Elizabeth Hospital sorvegliati dall’HRI.

  • #1 è di origini cinesi, attualmente dovrebbe avere sessanta anni, non presenta però nessuna cicatrice particolare o tatuaggio. Affetto da mutismo, reagisce molto poco agli stimoli. Non ha mai potuto compiere la terapia perché gli altri pazienti reagivano in modo strano a lui.
  • Dall’arrivo di #1, c’è stato un acuirsi dei sintomi di #8, #9, #13, soprattutto di #8.
  • A partire da gennaio #2 è stata soggetta a 3 biopsie e una mezza dozzina di prelievi del sangue. Non sono presenti nella cartella però né i risultati, né la destinazione di questi prelievi.
  • La numerazione dei pazienti non sembra rispettare alcun ordine cronologico, né per ingresso nella struttura, né per cambi nelle terapie.
  • Tutti gli individui presenti sono ormai parcheggiati dentro l’ospedale appurata l’evidente impossibilità di guarirli.
  • I pazienti sono stati internati per veri motivi clinici, derivati sicuramente dal loro rapporto con il soprannaturale. L’unico dubbio è su n°1, che potrebbe essere stato portato lì effettivamente dall’HRI.
  • Tutti gli individui, ma in particolare #2, #1, #8 sono stati trattati – tramite permessi speciali – con l’elettroshock. Un dottore è stato ferito durante la somministrazione della terapia a #2 a causa di un guasto delle apparecchiature che gli ha provocato la morte cerebrale per qualche secondo. Capisci che è stata una reazione di #2.
  • #9 aveva capacità comunicative fuori dalla norma con esseri non intelligenti, confuse con evidente follia, riusciva a parlare con oggetti e animali. Alcuni stralci di informazioni riportate ti fanno pensare che possa essere lo stesso che vi ha attaccato l’ultima sera a Washington.
  • #8 era, come anche Jessica (il fantasma di bambina), una ragazza in grado di relazionarsi direttamente con il piano Astrale. Lei probabilmente però non vedendolo, bensì passandoci direttamente gran parte del proprio tempo. La sua morte ad hallowen è quindi dovuta all’essersi improvvisamente trovata in mezzo a spettri e mostri di ogni tipo aldilà del velo.
  • #13 (Henry Lawson) è probabilmente davvero e semplicemente matto. Il ricorrere continuo degli stessi argomenti – appena accennati però nella cartella clinica – può però lasciar adito alla categorizzazione delle profezie di cui si parla nelle “segnalazioni”.
  • #4 è un esp potentissimo, credi che i suoi poteri siano così potenti che ormai abbia completamente perso di vista il mondo attorno a lui e vaghi esclusivamente in proiezioni a distanza, sia di spazio che di tempo, date dai suoi poteri. In virtù di questa estrema sensibilità si fissa su cose senza senso (cfr. fermaglio delle segnalazioni) ed è stato appunto considerato un autistico in forma particolarmente grave.
  • #8 era considerata una paziente particolarmente preziosa, sempre senza alcun particolare motivo clinico. Questo ti fa pensare che fosse l’HRI ad avere particolarmente a cuore, rispetto ad altri pazienti, i suoi poteri o la sua persona.
  • Le date delle biopsie a #2 potrebbero coincidere con i due diversi sviluppi della droga psionica.

Cartelle cliniche

Chasing Shadows jamesnake blucheri